Blefaroplastica

La chirurgia delle palpebre, tecnicamente definita blefaroplastica, è una procedura chirurgica che rimuove la cute

ed il grasso in eccesso lungo le palpebre superiori ed inferiori. La blefaroplastica corregge la palpebra cadente

che purtroppo dona un senso di stanchezza e di vecchiaia superiore alla realtà e che può talvolta anche interferire

con una corretta visione oculare. Tuttavia la blefaroplastica non riesce a correggere le cosiddette "zampe di gallina"

o ad eliminare i cerchi neri intorno agli occhi. Questa metodica chirurgica può essere eseguita da sola o in combinazione con il face-lift o con il minilifting frontale.

 

I migliori candidati per un intervento di blefaroplastica sono quei pazienti che desiderano migliorare il loro aspetto fisico, con prospettive realistiche. Molti di loro hanno 35 anni o più, ma talvolta possono essere più giovani soprattutto quando hanno una storia familiare di "borse" palpebrali. Cautela andrebbe utilizzata per quei pazienti che abbiamo problemi di tipo medico riguardanti l'apparato oculare (ipotiroidismo, glaucoma,etc.).

 

Preparazione all'intervento

E' buona norma, a cominciare dalla settimana precedente all'intervento, non assumere Ac. Acetilsalicico (aspirina)

per evitare problemi di coagulazione, e per i fumatori astenersi per almeno 4 settimane (due prima e due dopo l'operazione) Generalmente si viene operati in regime di Day-Surgery (dimissione nello stesso giorno) ed è indispensabile quindi che il/la paziente venga accompagnato da una persona che possa prendersene cura nel riaccompagnarla a casa

e nelle necessità delle prime 24-48 ore. I portatori di lenti a contatto, dovranno sospenderne l'uso per almeno 2 settimane.

 

L'intervento chirurgico

L'intervento di blefaroplastica richiede da una a tre ore in relazione al numero di palpebre da operare (soltanto due

o tutte e quattro). Le incisioni vengono eseguite lungo le linee naturali e si estendono sino alle "zampe di gallina" subito al di fuori dell'angolo esterno dell'occhio. Viene rimosso quindi il grasso in eccesso, responsabile delle "borse" palpebrali, ed eventualmente la cute se è in eccesso. Talvolta anche il muscolo(orbicolare) viene rifilato. Le incisioni vengono quindi richiuse con suture intradermiche particolarmente delicate.

 

Nel caso in cui nelle palpebre inferiori, esistessero borse palpebrali, ma non cute in eccesso si può effettuare

un approccio trans-congiuntivale e non cutaneo.

 

L'Anestesia

La blefaroplastica viene generalmente eseguita in Anestesia Locale, al massimo accompagnata da una sedazione

(per i pazienti più ansiosi).

 

Il post-operatorio

Gli occhi sono estremamente delicati e pertanto, al fine di ridurre edemi ed ecchimosi, si impiegano, nelle prime ore

del post-operatorio, compresse gelate. Il dolore normalmente è di lievissima entità e viene ben controllato dagli analgesici. Se dovesse invece essere forte è buona norma avvisare immediatamente il chirurgo.

Nel caso di blefaroplastica completa, c'è aumento della lacrimazione per alcuni giorni, temporanei problemi di visione (fastidio alla luce, etc.).

 

I punti di sutura vengono rimossi da 3 a 7 giorni dopo l'intervento. Sarà poi buona norma tenere, nell'immediato

post-operatorio e per almeno 2 o 3 giorni, la testa sempre sollevata, anche a riposo, per contenere il gonfiore

e le ecchimosi, che sono comunque frutto di una reazione assolutamente individuale. Le ecchimosi tendono

a scomparire generalmente entro 2 settimane.

 

Ripresa dell'attività

Il/la paziente potrà riprendere a guardare la televisione dopo 2 o tre giorni, mentre per la lettura sarà opportuno attendere almeno 6-7 giorni.

Molti pazienti si sentono in grado di riprendere la loro attività e di tornare al lavoro anche dopo 8-10 giorni,

magari coprendo con un correttore e del make-up i segni dell’ecchimosi ancora presenti.

E' buona norma per tutti comunque astenersi per almeno 7 giorni da qualsiasi attività, soprattutto sportiva in quanto esse causa rialzo della pressione sanguigna, così come va evitata l'assunzione di alcolici che determinano ritenzione

di liquidi.

 

Il nuovo aspetto

La guarigione è un processo graduale che si attua nell'arco di mesi. Dopo 2 settimane generalmente il mondo che

ci circonda non si rende conto dell'intervento subito (essendo praticamente scomparsi i segni), ma i tempi di guarigione sono molto più lunghi.

 

La cicatrice ad esempio, prima che diventi una linea bianca,quasi invisibile, impiega non meno di 6 mesi.

Bisogna anche dire che i risultati di ringiovanimento e freschezza dureranno per anni e che addirittura per molti pazienti questo può essere un intervento definitivo.

HOME

CHI SIAMO

TRATTAMENTI

CONTATTO

VISAGE CHIRURGIA ESTETICA © 2017

Piazza piccapietra 73/7, 16121 Genova